Perché scegliere di diventare architetto?

  • by
architetto

Se siete in quella fase in cui dovete decidere cosa studiare all’università e quale professione intraprendere in futuro, probabilmente state vagliando numerose possibilità, e se state leggendo queste righe è perché avete un minimo interesse in campo architettonico. In questo articolo proverò a descrivere le motivazioni per cui una laurea in architettura potrebbe essere la scelta migliore per il vostro futuro.

Perché studiare architettura all’università

Per diventare architetto bisogna innanzitutto iscriversi a una facoltà di architettura per studiare le basi necessarie allo svolgimento di questo lavoro e per entrare mentalmente in questo ambito lavorativo. In Italia ci sono moltissime università che offrono un corso di laurea in architettura, perciò, ovunque viviate, ne avrete sicuramente una non molto distante a cui affidarvi. La scelta tra una facoltà e l’altra dipende solo da voi.

Studiando architettura sarete in grado di affinare un gran numero di abilità, alcune simili a quelle di qualunque altro studente universitario, altre invece molto più specifiche per questo settore in particolare. Studiare all’università di per sé dà modo di acquisire capacità organizzative, sociali e specifiche, con queste ultime che saranno ovviamente differenti in merito all’ambito di studio che deciderete di intraprendere.

Capacità acquisite studiando nella facoltà di architettura

Studiare architettura dà la possibilità di sviluppare ottime abilità di problem solving

Una delle capacità che maggiormente viene affinata studiando architettura è quella di analizzare dati e reinterpretarli, per poterne comprendere le problematiche, comunicarle ai clienti, ragionarci insieme e risolverle nel modo migliore. Sarà sempre necessario uno studio approfondito, la creazione di versioni alternative e continue prove ed errori, ma il risultato finale sarà quello desiderato. Questa analisi delle situazioni problematiche e successiva risoluzione è totalmente applicabile in campo architettonico, ma vi darà anche una forma mentale che userete poi abitualmente anche nella vita di tutti i giorni.

Studiare architettura ti insegna ad accettare le critiche

Questa abilità si apprende sicuramente anche in svariati altri settori, ma in facoltà di architettura la presentazione di progetti e la loro successiva critica è alla base del percorso universitario. Lo studente si presenta davanti a professori, assistenti, tutor con il suo progetto, e questi non faranno altro che analizzarlo in ogni singolo dettaglio, e criticarlo, spesso aspramente. All’inizio soprattutto, questa situazione e questa critica potranno mettervi in crisi, soprattutto se siete tra quelle persone che non amano essere giudicati.

L’accettazione delle critiche e dei giudizi e soprattutto il loro sfruttamento, è però una delle capacità più importanti che potrete sviluppare. Non vi è modo migliore per perfezionare il vostro lavoro, che ascoltare opinioni e giudizi di chi è più esperto, per poterlo rendere più funzionale e privo di errori. Anche se all’inizio le critiche vi potranno far innervosire, imparare ad accettarle e sfruttarle nel modo migliore, è un’abilità molto utile, che difficilmente affinerete parimenti in un altra facoltà.

Buoni motivi per svolgere la professione di architetto

Una volta superati i duri anni di studio, creazione di progetti, critiche e notti in bianco, dopo gavetta e duro lavoro e dopo aver finalmente superato l’esame di abilitazione, potrete dedicarvi al lavoro a cui avete ambito per anni: l’architetto. Oltre a pro e contro comuni a qualunque lavoro, fare l’architetto propone una serie di vantaggi che non sono presenti in molte altre professioni. Vediamone alcuni.

È un lavoro ampio, versatile e mai noioso

Un lavoro in campo architettonico, per quanto si basi sempre e comunque sulla progettazione di edifici o strutture, o sul loro rinnovamento, non è mai un lavoro noioso, in quanto ogni progetto è diverso dal precedente. Le aree di sviluppo sono moltissime, e si va da progettazioni di spazi aperti a design d’interni di minuscoli appartamenti. A seconda delle vostre preferenze, i campi a cui affacciarsi sono molteplici.

Allo stesso modo, anche il metodo utilizzato per portare a completamento i vostri progetti può essere vario. Si possono fare disegni e progetti a mano libera, o utilizzando software che aiutano notevolmente nella progettazione. Si usano vari materiali per costruire modellini fisici, basati magari su modelli 3D creati a computer. Tutte le abilità artistiche che possedete potranno essere sfruttare al meglio in questo lavoro.

Cambierà la vostra visione del mondo e la possibilità che avrete di visitarlo

Lavorando in campo architettonico è molto importante conoscere le tipologie di costruzioni ed edifici di culture e Paesi di tutto il mondo, e di conseguenza visitare un gran numero di luoghi diversi diventerà uno degli aspetti più importanti del vostro lavoro. Non solo avrete quindi modo di viaggiare molto di più, ma anche il vostro modo di osservare il mondo cambierà drasticamente. Sarete maggiormente portati ad osservare le costruzioni con occhi diversi, analizzandone i dettagli architettonici, e scoprendo mondi ad altri nascosti.

Potrete aiutare a tutelare il pianeta e l’ambiente

Lavorando in un settore che modifica costantemente l’ambiente in cui viviamo, è di notevole importanza l’impatto che abbiamo su di esso. Essere architetto e quindi operare in questo campo, vi dà modo di progettare edifici e luoghi che abbiano il minore impatto ambientare possibile. Grazie al modo in cui progettate, potrete prestare moltissima attenzione ai materiali utilizzati, allo sfruttamento delle energie naturali e anche alla tutela della fauna dei luoghi che andrete a modificare. Anche la conservazione storica può essere un aspetto molto importante a cui prestare attenzione.

Leave a Reply

Your email address will not be published.